Mese: aprile 2020


  • Che fare se la termocoperta smette di funzionare? Tentativi ‘fai da te’

    Quando fa freddo la termocoperta è un’amica fidata che ci riscalda e ci fa sentire meglio. Simile in tutto e per tutto a una normale coperta, cos’ha di speciale? E, soprattutto, come funziona? Anche se non si vedono ci sono delle trame di fili che compongono una o più resistenze elettriche presenti all’interno della coperta termica. Queste resistenze si scaldano quando si accende l’alimentazione elettrica. È più semplice di quanto si possa immaginare. La temperatura è controllata da un termostato sul pannello di controllo della coperta, che viene venduta come qualsiasi elettrodomestico in garanzia. La riparazione è necessaria quando le connessioni si allentano, magari per cattiva manutenzione o lavaggi sbagliati, oppure il filo elettrico si rompe. Se, comunque, dovesse verificarsi un guasto, valutare bene se è opportuno riparare la coperta o rottamarla, in quanto il più delle volte, visti i… Leggi Tutto

  • Grattugie elettriche, tipologie e vantaggi

    Le grattugie elettriche, ormai entrate a pieno titolo nelle cucine italiane (e non solo), si trovano in commercio in molte varianti, ma la suddivisione principale le vede distinte in modelli a filo o a batteria. Le prime sono apparecchi alimentati a corrente funzionanti soltanto se collegati a una presa elettrica, mentre le seconde si alimentano a batteria. La differenza principale, oltre a una diversità di consumi (le prime a corrente, le seconde a pile) sta nel fatto che le grattugie elettriche non consentono molta autonomia negli spostamenti in quanto bisogna restare in prossimità della spina a meno che non si provveda ad allungare il cavo con una prolunga, peraltro sconsigliata. Invece, le grattugie elettriche a batteria, come qualsiasi altro piccolo elettrodomestico come, ad esempio, i frullatori a immersione o gli sbattitori elettrici, hanno il vantaggio di poter essere spostate… Leggi Tutto

  • Scanner 3D EinScan: migliori modelli 2020, info e pareri

    Per funzionare gli scanner 3D richiedono l’impiego di specifici software di scansione. Tali software dedicati sono il prodotto che si sta sviluppando a supporto di questi strumenti consentendone l’ingresso sul mercato. Si contano 3 tecniche di scansione 3D: laser, fotogrammetrica e a luce strutturata. I laser scanner sono device in grado di emettere impulsi elettromagnetici sotto forma di raggi laser, appunto, ricevendo i segnali riflessi e misurando gli intervalli temporali trascorsi. La fotogrammetria, invece, consiste nell’unione di più scatti realizzati da diverse angolazioni, mentre la luce strutturata è in grado di misurare la triangolazione ottica per scansioni ad high resolution di campioni collocati da 0,2 a 25m. Al momento, i principali campi d’azione in cui sono utilizzati con successo gli scanner 3D sono l’architettura, l’ingegneria, l’archeologia, la topografia, l’ambito forense, il gaming, l’industria, la medicina, la moda e i beni… Leggi Tutto

  • Come trovare il miglior aspirabriciole sul mercato

    Come trovare il miglior aspirabriciole sul mercato on e off line? Chiediti prima che lavoretti ci intendi fare, se devi aspirare solo briciole o pulire gli interni auto o ancora se ti serve un apparecchio wet & dry per aspirare anche i liquidi oltre alla polvere e ai piccoli residui che restano sulla tavola dopo i pasti o sul divano al termine di uno spuntino. Per ogni tipo di lavoretto domestico c’è l’aspirapolvere giusto, la prima scelta da fare è se acquistare un modello con filo o senza. Se si prevede di usare l’apparecchio principalmente in un’area della casa come la cucina per interventi di pulitura approfondita, senza dover continuamente sospendere l’operazione per ricaricare l’aspirabriciole, in tal caso si consiglia l’acquisto di un modello a cavo in grado di fornire energia ‘no stop’ per un funzionamento continuo, anche di ore,… Leggi Tutto

  • Termoconvettori, specifiche e fasce di prezzo

      Nei migliori termoconvettori è presente anche l’oscillazione che determina una distribuzione uniforme del calore in un dato spazio. In caso l’oscillazione venga disattivata, si potrà verificare che alcuni punti della stanza non ricevano abbastanza calore. Prima di sperperare bei soldini in un termoconvettore dotato di questa funzionalità, accertarsi anche con l’aiuto delle recensioni online che l’oscillazione funzioni a dovere. Altro aspetto da non sottovalutare è la mobilità dell’apparecchio. Per spostarsi da una stanza all’altra servono ruote e maniglie in grado di trasportare anche i modelli più pesanti, in genere apparecchi a olio piuttosto pesanti ma funzionali. In genere le unità più pesanti sono provviste di ruote proprio per poter essere spostate agevolmente, allo stesso modo le maniglie devono essere ergonomiche per garantire la massima maneggevolezza. La qualità dei termostati e dei regolatori di temperatura incide sul livello dei consumi … Leggi Tutto